Visualizzazione post con etichetta Come sopravvivere. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta Come sopravvivere. Mostra tutti i post

giovedì 20 dicembre 2012

Vivere sotto terra per salvarsi?

Bisogna prendere sul serio le notizie pubblicate sul sito francese melty.fr

Secondo quanto raccontano, sembra che vi siano delle comunità nascoste, che vivono da decenni sotto terra. 
Dunque potremmo dire che mentre molti credono di sprofondare sotto terra, alcuni lo sono già. 

Miguel Restrepo, la moglie Maria e il loro cane Blackie Garcia vivono da più di 20 anni in una fogna in disuso della città di Medellin, in Colombia. Secondo l'uomo, essi vivono "meglio del presidente" e anche se questa situazione ha dell'incredibile, questa famiglia sembra stare meglio di molti colombiani. Secondo l'AFP, la povertà colpisce quasi un terzo della popolazione del paese. Anche se questo habitat rimane precario, la famiglia è stata in grado di costruire una cucina, di installare un televisore e persino un ventilatore.

Il 1° agosto, una setta russa che viveva sotto terra da più di 10 anni è stata scoperta dalle autorità a 800 chilometri a est di Mosca. 70 persone vivevano in un bunker di 700m² sotto il dominio di un profeta, Fayzrahman Satarov, un anziano di 83 anni. Nel bunker c'erano anche 20 bambini, la maggior parte dei quali non hanno mai visto la luce del giorno. 

Il leader, che aveva realizzato questa "struttura nascosta" su 8 piani, considerava questo luogo come uno stato islamico indipendente dal quale nessuno poteva sfuggire, se non pochi responsabili religiosi addetti a garantire le riserve di cibo. Oggi, i bambini sono stati portati in un orfanotrofio e gli adulti rischiano di essere condannati per abuso.

Che questi luoghi nasconti possano salvarci dalla fine del mondo?

mercoledì 19 dicembre 2012

Fine del mondo: Bugarach sotto sorveglianza da oggi

A partire da questo pomeriggio, mercoledì 19 dicembre, un'importante dispositivo di sicurezza sarà previsto a Bugarach, l'unica cittadina francese che dovrebbe salvarsi dalla fine del mondo. Queste particolari misure di prevenzione sono state decise per contrastare l'importante afflusso che si prevede nei prossimi giorni in questo piccolo villaggio di solo 200 abitanti.
Bugarach cambia vita a partire da questo mercoledi. Finita la tranquillità! A mezzogiorno, é scattato infatti il dispositivo di sicurezza deciso in previsione di un afflusso possibile a causa della cosiddetta fine del mondo del 21 dicembre. Secondo migliaia di siti web che diffondono informazioni da mesi, l'Apocalisse colpirà tutto il mondo, tranne Bugarach. E questa notizia (vera o falsa che sia) incoraggiare una grande folla a rifugiarsi nel piccolo paesino francese.


Le autorità dipartimentali hanno previsto misure drastiche per precauzione. Fino al 23 dicembre un importante dispositivo di sicurezza sarà attivo intorno a Bugarach e in tutta la zona limitrofa che comprende altri tre villaggi.
Sulle strade principali,
saranno allestiti dalla polizia dei punti di controllo con il compito di monitorare tutti i movimenti, mentre dei pass per la libera circolazione sono state distribuiti a tutti gli abitanti della zona. 
Non lontano verranno anche installati un punto di soccorso medico-psicologico e un punto adibito all'evacuazione in elicottero.
Infine, il prefetto della regione, ha anche deciso di limitare le libertà. Sul perimetro della zona sotto controllo le persone non potranno riunirsi in gruppi numerosi e le
escursioni e la caccia saranno vietate. Il parcheggio di auto e camping lungo tutte le strade della raggio di sicurezza sarà anch'esso vietato per scoraggiare coloro che hanno previsto di passare la notte in macchina.
In particolare, sul picco di Bugarach, che tocca i 1230 metri, sarà negato l'accesso via terra e non sarà possibile sorvolare la zona dal 19 al 23 dicembre. La montagna sarà monitorata da esperti: dal 15 dicembre, speleologi della polizia stanno esaminando la superficie e le grotte di questo monte.  

Qualcuno pensa che il picco Bugarach ospita un garage di navicelle UFO...

mercoledì 5 dicembre 2012

Un cinese e la sua Arca di Noè (foto)

Cosa ci attende? Uno tsunami gigante? Un asteroide? Un'eruzione solare? Oppure la collisione con il Pianeta X?
Non sappiamo ancora a cosa somiglierà la fine del mondo.

Lu Zhengai, un cinese padre di famiglia, sembra essere ben informati sul tema dal momento che ha deciso di costruire una "Arca di Noè" apparentemente inaffondabile. Per costruire la sua arca, quest'uomo ha investito tutti i suoi risparmi: l'equivalente di circa 125.000 euro (1 milione di yuan).

Tuttavia, le dimensioni della barca non hanno nulla a che fare con quelle riportate nella Bibbia. Infatti, essa misura 21.2 metri di lunghezza, 15.5 metri di larghezza e 5.6 metri di altezza e può resistere a 140 tonnellate di acqua.  
Anche se Lu Zhengai, originario di Urumqi (Cina occidentale), ammette che la sua arca non é del tutto eccezionale, sembra invece essere molto fiducioso sul fatto che gli sarà utile il 21 Dicembre 2012.

Se la paura della fine del mondo influenza molto i cinesi, é in parte a causa del film 2012 di Roland Emmerich, uscito nel 2009 e che avrebbe generato più di 55 milioni di euro di fatturato in Cina.
Questo grande successo può essere spiegato in parte dal fatto che nel film 2012, se l'umanità si salverà, è proprio grazie ai cinesi! Le navi gigantesche che i cinesi hanno costruito tra le montagne del Tibet permetteranno agli eroi di sfuggire alla fine del mondo.

Eccovi alcune immagini della barca di Lu Zhengai:


mercoledì 21 novembre 2012

Il Monte Bugarach non sarà accessibile il 21 Dicembre 2012

A Bugarach, il presunto rifugio francese contro la fine del mondo, sarà impossibile accedervi il prossimo 21 Dicembre 2012. Questo é quanto confermato dalle autorità locali venerdì scorso. 

Un'agenzia stampa francese riferisce che le autorità hanno messo in atto questa misura preventiva per evitare abusi e una concentrazione eccessiva di persone che credono alla fine del mondo. Queste persone potrebbero infatti recarsi in massa anche all'ultimo minuto in questo piccolo villaggio, causando un generale caos.

 
Picco dei Pirenei, il Monte Bugarach e il villaggio che si trova ai suoi piedi sono diventati famosi in tutto il mondo grazie ad una bizzarra storia ampiamente diffusa su Internet. Questo luogo sarebbe infatti l'unico luogo risparmiato dalla fine del mondo che potrebbe aver luogo il 21 dicembre 2012, secondo il calendario Maya. Molte sette apocalittiche si sono già installate in questo luogo.
 
Ma limitare l'accesso probabilmente non basterà a evitare il caos e i disordini nelle zone periferiche. Attualmente, a Bugarach tutte le camere e gli ostelli sono riservati.

domenica 15 luglio 2012

Bunker per il 21 Dicembre 2012

Negli Stati Uniti, gli imprenditori immobiliari a proporre dei bunker per sopravvivere alla fine del mondo del 21 dicembre 201, sono in continua crescita.
Uno di questi rifugi di sopravvivenza è già attivo nello Stato del Kansas, e...si tratta di un modello molto lussuoso. Alcuni mesi fa vi avevamo già presentato un bunker per sopravvivere all'apocalisse, della società Vivos.

Questo nuovo bunker nello stato del Kansas, per assicurare la vita dei suoi residenti, è costruito su un trampolino di lancio per testate nucleari, risalente alla Guerra Fredda. Questo edificio può, secondo i suoi architetti, resistere a delle eruzioni solari, un'esplosione nucleare, una pandemia, ecc.

Le pareti misurano 3 metri di spessore e fino a 53 metri di profondità, e sono di cemento puro.

Un totale di 14 piani, di cui 7 abitabili con due appartamenti per piano. Gli altri piani sono occupati da una piscina, un cinema, una biblioteca...tutto quanto puo' garantire un comfort di lusso per i futuri residenti.

In caso di prolungato isolamento, un centro medico e una scuola sono pronti per mettersi in moto. Inoltre nel bunker troviamo anche delle coltivazioni di ortaggi che potrà aumentare la scorta di cibo sufficiente ad alimentare i residenti per ben cinque anni.

Tutta l'energia elettrica è fornita da fonti convenzionali come il vento e dei generatori. Un serbatoio gigante di acqua sotterranea consentirà di conservare l'acqua pre-filtrata con carbone e sabbia.

Ma sembra che solo i più ricchi potranno sopravvivere alla fine del mondo! Infatti, i grandi appartamenti saranno venduti per 3,6 milioni di euro ciascuno, mentre i modelli più piccoli copsteranno 1,8 milioni.

Secondo il produttore, sono quattro gli appartamenti già venduti, per un totale di 12,7 milioni di euro, e altri due sono in fase di negoziazione. Attualmente, i principali acquirenti sono calciatori, politici e piloti automobilisti.

Si prevede che tutte le unità saranno operative a partire già da inizio settembre 2012.

venerdì 15 giugno 2012

Una città brasiliana si prepara alla fine del mondo

Nella città di montagna di San Francisco de Paula (a 110 km da Porto Alegre - Brasile), la previsione Maya sulla fine del mondo nel 2012 ha lasciato il suo aspetto mistico per entrare nell'ufficio del sindaco. Quest'ultimo ha invitato i residenti a conservare i cibi e a prepararsi al peggio. Il sindaco, che dice di studiare geofisica e astrofisica, non capisce perché il governo brasiliano non sensibilizza la popolazione su come evitare la fine del mondo.  
"Perché australiani, americani e giapponesi si preparano? Qualcosa deve succedere e loro non vogliono che la gente sia sorpresa da eventi inattesi o sottovalutati. Dobbiamo assicurare i pasti per le scuole, le medicine per malati e per gli ospedali e altri servizi di prima necessità. Vorrei consigliare alla gente di prepararsi!"
Il sindaco sottolinea inoltre che nessun denaro pubblico verrà preso dalle casse del Comune per questo scopo:
"Il mio dovere è di trasmettere ai miei concittadini le informazioni che abbiamo, di seguito spetta ad ogni individuo di decidere cosa fare per prendersi cura della propria vita e dei propri cari. Come primo cittadino, non posso tenere queste cose per me."
Il sindaco (Sig. Colla) ha spiegato che San Francisco de Paula, essendo a 900m sopra il livello del mare, è un ottimo rifugio per gli tsunami, e ha osservato che alcune persone hanno cercato di proteggere la città. Oltre ad essere sindaco, il signor Colla è un medico e lavora negli ospedali della regione montagnosa di Rio Grande do Sul.
"Mentre ci avviciniamo al 21 dicembre 2012, una serie di cose strane avvengono sul sole e sulla luna. Qualcosa non è chiaro. La natura ci dà segni che non capiamo. In questo dobbiamo prepararci ", ha detto.
Secondo il calendario Maya, il 21 dicembre 2012 segna la fine di un ciclo di 5.125 anni ed è legato alle catastrofi naturali. Alcuni ricercatori sostengono che il periodo di chiusura di questo ciclo potrebbe segnare la fine del mondo, con terremoti, tsunami e inondazioni in molti luoghi della Terra.

sabato 31 marzo 2012

4 consigli di sopravvivenza per il 2012

Se la fine del mondo é una bufala o meno non lo possiamo sapere con certezza, ma sicuramente possiamo affermare che al 21 dicembre 2012 mancano ormai solo nove mesi. E...coloro che credono che la previsione sia vera sono già molto ansiosi per i fenomeni catastrofici che si potrebbero verificare.

Hanno ragione? E se il mondo finisse veramente tra nove mesi?
Voi sareste pronti? Pensate si potrà sopravvivere?

Concedendo che ci sia un granello di verità in questa previsione, vi sono un sacco di cose che potete fare per garantire la vostra sopravvivenza. Eccovi alcuni suggerimenti su come sopravvivere alla fine del mondo:

Suggerimento sopravvivenza n°1 - Fare scorta di forniture
Proprio come per sopravvivere ad una calamità naturale o ad una guerra, è importante che voi e la vostra famiglia abbiate abbastanza cibo, acqua e altri beni di prima necessità in riserva. Ricordate che l'impossibilità di reperire questi bene potrebbe protrarsi dei giorni, settimane o forse mesi: ricordate dunque di fornirvi di alimenti non deperibili nell'immediato. Si consiglia inoltre di conservare il cibo che non richiede preparazione. Ad esempio, è meglio fare scorta di cibi in scatola di facile apertura, piuttosto che prodotti alimentari che richiedono una determinata preparazione.
Assicuratevi dunque di controllare le date di scadenza di tutti gli alimenti. Sarebbe inutile conservare cibi non commestibile :-). 

Suggerimento sopravvivenza n°2 - Prepara la tua mente
Più devastanti rispetto ai danni materiali causati da calamità o guerre, sono i danni psicologici alle persone che vivono queste disgrazie. Questa è la ragione per cui i sopravvissuti di guerra o di altri eventi catastrofici devono essere sottoposti a de-briefing e devono ricondizionare le loro menti in modo da evitare eventuali traumi in futuro. Tuttavia, questo processo può essere fatto in anticipo. Se la calamità, in questo caso la predetta fine del mondo nel 2012, è già in previsione, possiamo realmente condizionare le nostre menti per prepararci agli avvenimenti futuri. La preparazione mentale non solo protegge le nostre menti da traumi, ma ci aiuta anche a guardare più in profondità la situazione e pensare con saggezza su come possiamo evitare danni futuri.

Suggerimento sopravvivenza n°3 - Mantenete la calma
Questo suggerimento è connesso al punto precedente: se hai preparato la tua mente, sarà più facile per voi mantenere la calma. Non bisognerà infatti farsi prendere dal panico, in quanto questo può solo spingerci a peggiorare la situazione. Servirà mantenere la calma per riuscire a riflettere il più lucidamente possibile sulle azioni da eseguire utili a superare la situazione. E se con voi saranno presenti anche altre persone, questo suggerimento ha ancora più importanza. Queste persone potrebbero infatti non essere in grado di pensare in modo corretto a ciò che é più utile fare: sarà dunque vostro compito di essere forte e lucido di mente per aiutarli.

Suggerimento sopravvivenza n°4 - Rimanere in casa il 21 dicembre 2012 ?!
Sia vero o sia falso, il punto è che se avverrà qualcosa in questo giorno, sarete sicuramente più al sicuro sotto il proprio tetto che altrove. Se avete qualcosa in programma in questo giorno, meglio lasciar perdere! In ogni caso, se la fine del mondo non avverrà in questo giorno, avrete ancora tutta la vita davanti a voi per farlo! Durante questa giornata, assicuratevi che i vostri bambini, genitori e fratelli siano al sicuro e magari con voi. Questo è un approccio più pratico, piuttosto che farsi prendere dal panico sulle loro condizioni in caso di eventi catastrofici.

Siete pronti ad affrontare l'emergenza? Se non siete sicuri da dove cominciare e siete intimoriti, sappiate che esistono anche diversi libri e guide di sopravvivenza crisi.

venerdì 10 febbraio 2012

Bugarach 2012 : villaggio della fine del mondo

Per sfuggire alla fine del mondo predetta dai Maya il 21 dicembre 2012, sembra che siano stati individuati alcuni villaggi nel mondo che offrirebbero maggiore sicurezza nel momento dell'Apocalisse.
Uno di questi villaggi é situato in Francia. Si tratta di Bugarach, un villaggio non lontano dai confini con la Spagna, che si situa ai piedi dell'omonimo Monte (o Picco) di Bugarach, alto 1230 metri.

Questo sarebbe uno degli ultimi posti sicuri in Europa : ma per quale ragione? Cosa avrebbe di speciale ?

Bugarach é il punto più alto delle Corbieres nel dipartimento francese Aude e la legenda vuole che costituisca l'unico rifugio francese (e sicuramento quello più vicino all'Italia) dove si sopravviverà alla fine del mondo nel 2012. In questo piccolo villaggio vivono attualmente 200 anime, ma la sua popolazione potrebbe aumentare in modo significativo con l'avvicinarsi del 21 dicembre 2012.

Già famoso ai seguaci di esoterismo e ai cacciatori di UFO, questo villaggio nell'Aude sta iniziando a godere di una fama a livello internazionale grazie ai teorici della fine del mondo.

Bugarach 2012

Teorie sul Picco di Bugarach
Ci sono innumerevoli ragioni che fanno di Bugarach un luogo sacro d'eccezione.
  1. Il picco di Bugarach emette delle vibrazioni energetiche e delle onde magnetiche. Questo era già noto ai Templari e ai Catari.
  2. La montagna avrebbe una rete di grotte sotterranee indistruttibili.
  3. Le numerose apparizioni di UFO in questa zona (oggetti volanti non identificati), fanno pensare che il villaggio abbia qualcosa di speciale. Alcuni ritengono che il picco sarebbe stato un vero "garage" UFO, una sorte di riparo per le loro navicelle volanti.
  4. A Bugarach ci sarebbe un vortice che aprirebbe una porta verso un'altra dimensione, dove si troverebbe una civiltà simile a quella di Atlantide: la Lemuria. Sì, sembra di essere in Star Gate, ma è quello che credono i seguaci di Ramtha (uno delle più potenti sette apocalittiche del momento).
  5. Alcuni credono che la grande roccia contiene una base segreta militare, dotata di tecnologia avanzata per sopravvivere alla fine del mondo.
  6. Il predicatore cataro, Guillaume Belibaste, profetizzo' prima di essere bruciato vivo a ​​Villerouge-Thermenès, nei pressi di Bugarach nel 1321 "Dopo 700 anni l'alloro sboccerà di nuovo". L'alloro, nell'erbario degli dei, è il simbolo di immortalità e divinazione. Si attribuisce ai Templari il fatto di aver portato il Santo Graal che dà a chi beve il suo contenuto, l'immortalità. 700 anni sono passati presto! Questa profezia può significare la scoperta del Santo Graal, che secondo alcune leggende sarebbe nascosto nel Picco. Coloro che bevono il suo contenuto sopravviveranno poi alla fine del mondo.

La preoccupazione dei residenti di Bugarach
Gli abitanti di Bugarach, sono preoccupati per il carattere estensivo di queste voci in rete, che la vedono come unico villaggio francese non toccato dalla Apocalisse 2012.

Il sindaco del villaggio è impotente dinanzi a queste ipotesi. I turisti, che nel 2000 erano per il 70% degli amanti della natura e dello sport, lo scorso anno (nel 2011), erano per il 70% degli esoterici.

Sembra già che vi siano dei nuovi abitanti che hanno acquistano delle case isolate e stanno organizzando dei corsi di sopravvivenza, causando anche un'impennata nei prezzi degli immobili. Inoltre, gli agriturismi e gli alberghi del villaggio sono già al completo per il 21 dicembre 2012.

Per tutti coloro che non potranno acquistare terreni, case o prenotare altre sistemazioni...beh...non dimenticate l'ipotesi del campeggio!

Un'Arca di Noé per salvarsi dalla fine del mondo

Nella provincia dello Hunan, un cinese convinto che la fine del mondo arriverà il 21 dicembre 2012, sta costruendo un'"Arca di Noè" in versione 2012.

Quest'Arca di Noè dei tempi moderni ospiterà una ventina di persone. Divisa in più scomparti, su quest'arca si potranno trovare un soggiorno, un bagno, una camera da letto e un ripostiglio pieno di cibo per un mese. Inoltre l'Arca prevederebbe dei condizionatori d'aria, dei generatori di energia elettrica e una cucina.

Per prenotare un posto a bordo di questa Arca che ci salverebbe dalla fine del mondo, bisognerà pagare circa 2300 euro. E...questa cifra non sarà rimborsata se l'Apocalisse non si verificherà.

Tuttavia, diverse limitazioni sorgono circa l'efficacia di questa Arca.
In primo luogo, i passeggeri avranno cibo unicamente per un mese, a partire dal 21 Dicembre 2012. Per sopravvivere al di là di questo periodo, essi dovranno trovare rapidamente un luogo o area abitabile, oppure praticheranno forse il cannibalismo, sacrificando delle vite umano presenti a bordo (ipotesi a quanto raccapricciante!).
Vi é poi un'altra condizione per la sopravvivenza: l'Arca di Noè 2012, potrà essere utile all'uomo unicamente se la fine del mondo fosse causata da inondazioni, piuttosto che un meteorite sulla Terra!

Speriamo per i suoi futuri passeggeri che l'arca non godi della reputazione del "made in Cina"...

giovedì 2 febbraio 2012

Bunker per sopravvivere alla fine del mondo

Come sopravvivere all'apocalisse del 21 dicembre 2012 ?

Ebbene, sembrerebbe molto semplice!
Se avete circa 36 000 € da parte, potrete pagarvi il vostro posto in questo super bunker concepito per accogliere 200 persone (36 000 x 200 = 7,2 milioni di euro di incasso con la vendita di tutti i posti disponibili).
All'interno, tutti i confort per vivere in assoluta indipendenza dal mondo esterno, durante ben 12 mesi. Docce di decontaminazione, detettori di esplosione nucleare, infermeria, cucine, delle grandi sale per rilassarsi, camere da letto, ecc...

Ecco la lista delle catastrofi alle quali puo' resistere questo lussuoso bunker :
  • Guerra nucleare
  • Guerra biologica
  • Inversione dei poli
  • Eruzione solare
  • Tsunami mondiale
  • Cometa
  • Super vulcano
Brrrrr....la società creatrice del bunker (Vivos) conferma che ci sarebbero già più di 1000 persone interessate all'idea.
Ecco il video di presentazione del bunker per salvarsi dalla fine del mondo 2012:

Bisognerebbe quindi iniziare a fare delle economie?